Purificare l’aria soprattutto negli ambienti domestici. I consigli dello pneumologo Tupputi

Purificare l’aria soprattutto negli ambienti domestici. I consigli dello pneumologo Tupputi

Purificare l’aria, soprattutto quella degli ambienti domestici, pare sia alla base per garantirsi una vita sana e un benessere polmonare senza intoppi. “Perché è proprio l’inquinamento indoor a provocare i maggiori danni”. A spiegarlo è il dottor Emmanuele Tupputi, specialista pneumologo intervenuto al meeting organizzato da Biosalus Italia il 2 luglio scorso, e durante il quale ha precisato che le polveri sottili presenti all’interno degli spazi chiusi potrebbero essere più pericolose di quelle presenti negli ambienti esterni.

“La qualità dell’aria che respiriamo negli ambienti domestici – riferisce Tupputi – ma più in generale anche quella negli uffici, a scuola, nei luoghi pubblici come ospedali, esercizi commerciali, mezzi di trasporto, ristoranti, palestre… è fondamentale per la nostra sopravvivenza e purtroppo viene sottovalutata. Solitamente si tende a concentrarsi sull’inquinamento cosiddetto outdoor, ovvero quello atmosferico esterno, perché ci ribadiscono da anni l’invasività delle polveri sottili nell’aria (dovute essenzialmente ai gas di scarico di auto e industrie), ma non dobbiamo dimenticare che mentre all’esterno la natura fa da sé, come si dice, alla qualità dell’aria dell’interno dobbiamo pensarci noi”.

purificare l'aria

Qual è il meccanismo dell’inquinamento indoor?

“Negli ambienti chiusi, senza riciclo e/o purificazione, l’aria può riempirsi di sostanze potenzialmente pericolose per la salute e il benessere delle persone che vi abitano. Pensiamo, per esempio, all’inquinamento provocato dalle sostanze emesse dalle pitture, o dalle lacche, o dai pesticidi, dai prodotti per la pulizia, dai materiali di costruzione e dal materiale per ufficio (come adesivi, toner, marcatori, colle, stampanti, fotocopiatrici). Ogni giorno respiriamo fino a 9.000 litri d’aria e il 90% del nostro tempo viene consumato in ambienti chiusi, quindi non occorre uscire per intercettare il rischio delle polveri sottili”.

Quali sono le sostanze più pericolose nell’aria?

“Sicuramente il particolato più piccolo, così piccolo da essere quasi invisibile (comunemente noto come PM2,5 e PM 10), e che può essere difficile rimuovere manualmente. È questo che rappresenta un serio pericolo per il nostro benessere”

Quanto incide il fumo sulla salute dei nostri polmoni?

“Il fumo nuoce gravemente alla salute, questo si sa da tanti anni ormai. Quello che molti ignoravano fino a qualche settimana fa era l’effetto della sigaretta elettronica (le cosiddette e-cig). La comunità scientifica pneumologica internazionale da qualche anno sta monitorando la tosse dei pazienti che fumano la sigaretta elettronica e già 3 anni fa si cominciava a essere un po’ scettici sulla sua innocuità. Poi l’estate scorsa (agosto 2019, ndr), è morta una persona. La notizia ha fatto il giro del mondo. Sicché non purificare l’aria della propria abitazione o in generale degli ambienti chiusi dai vapori della sigaretta elettronica potrebbe risultare altresì nocivo”.

La fonte principale degli inquinanti può essere l’arredamento. Un esempio è il legno pressato che potrebbe rilasciare formaldeide (il suo nome deriva dall’acido formico, veleno urticante prodotto dalle formiche). Secondo quanto riferisce l’Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro (Iarc), la formaldeide è indicata come potenzialmente cancerogena per l’uomo e, in particolare, può causare cancro del tratto naso-faringe e leucemia. Infine, anche le candele profumate, quando accese, possono rilasciare nell’aria sostanze nocive come benzene e formaldeide.

Come migliorare la qualità dell’aria di casa, dunque? Biosalus Italia, azienda leader nel settore della depurazione domestica dell’acqua e dell’aria, commercializza impianti di purificazione dell’aria in grado di ripristinare il giusto equilibrio. Ozner è il purificatore d’aria professionale che depura gli ambienti con un sistema di filtraggio circolare a 3 filtri, ognuno dei quali trattiene specifiche sostanze nocive. Un impianto che produce notevoli benefici, innanzitutto, per chi soffre di patologie asmatiche e di allergie. Un purificatore d’aria a colonna tecnologicamente avanzato ma semplice da utilizzare: si può attivare a distanza attraverso un’app scaricabile sul proprio smartphone o lasciare che Ozner si attivi automaticamente alla rilevazione di gas nocivi e polveri.

purificare

Come è possibile prenotare il test dell’aria con Biosalus?

È possibile fissare un appuntamento con i consulenti Biosalus Italia compilando l’apposito form sul sito ufficiale. Per analizzare la qualità e la composizione dell’aria il consulente Biosalus utilizza un dispositivo di rilevazione che misura la presenza di particolato (Pm2.5 e Pm10) e anidride carbonica. In base ai risultati, inoltre, egli potrà illustrare i vantaggi di un sistema di purificazione domestica dell’aria, la capacità di assorbimento di Ozner e l’intelligenza artificiale del dispositivo, utilizzabile in qualsiasi ambiente.

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sara pubblicato.